23, 24, 28 aprile: “Caro diario…” – Teatro Ragazzi

Mercoledì 23 APRILE 2014 – ore 21
DOZZATEATRORAGAZZI – VIª Rassegna di Teatro Ragazzi
Istituto Comprensivo di Dozza e Castel Guelfo

“CARO DIARIO… – PAG. 1”
con i ragazzi delle classi IªA / IªB / IªC Scuola Secondaria di Primo Grado “A. Moro” di Toscanella di Dozza
Coordinamento e regia: Corrado Gambi

Giovedì 24 APRILE 2014 – ore 21:
DOZZATEATRORAGAZZI – VIª Rassegna di Teatro Ragazzi
Istituto Comprensivo di Dozza e Castel Guelfo
“CARO DIARIO… – PAG. 2”
con i ragazzi delle classi IªA / IªB / IªC Scuola Secondaria di Primo Grado “A. Moro” di Toscanella di Dozza
Coordinamento e regia: Corrado Gambi

Lunedì 28 APRILE 2014 – ore 21:
DOZZATEATRORAGAZZI – VIª Rassegna di Teatro Ragazzi
Istituto Comprensivo di Dozza e Castel Guelfo
“CARO DIARIO… – PAG. 3”
con i ragazzi delle classi IªA / IªB / IªC Scuola Secondaria di Primo Grado “A. Moro” di Toscanella di Dozza
Coordinamento e regia: Corrado Gambi

Pace… Guerra… Memoria… Sogno… Incubo…
Parole che permeano il nostro quotidiano, ma che rischiano, appunto perché costantemente falsate, di risuonare “paurosamente vuote” alle orecchie di ragazzi adolescenti.
Come può il teatro aiutare la scuola a “far crescere” un nuovo spirito consapevole, per un rinnovato senso di cittadinanza ed appartenenza? Come può aiutare a far nascere veri e propri “segnali di pace” per sé e per gli altri?
Forse cercando forme e linguaggi che partano direttamente proprio dalle esperienze di vita delle giovani generazioni… Rendendo queste ultime davvero parte fondante del processo creativo di uno spettacolo, di un laboratorio, di una ricerca culturale, di una celebrazione di una ricorrenza… come quella del 25 Aprile… la Festa della Liberazione… una “liberazione” che alberga innata dentro ognuno di noi… anche quando viene negata o impedita!

Partendo da pagine di diari di ragazzi di ieri e di oggi, vengono rappresentate tre letture/spettacolo collettive in cui la memoria diventa possibile veicolo per un “viaggio nel futuro”, dove i sogni e desideri sono quelli di poter vivere in un mondo diverso, migliore, senza più prevaricazioni e violenze… dove ognuno possa trovare il proprio posto…

Cosa mi fa stare bene? Cosa mi serve per stare bene? E cos’è invece che mi fa stare male? Cos’è per me la libertà? Cosa mi fa sentire davvero libero, e cosa invece mi fa sentire come… “imprigionato” fuori e dentro di me? Questi gli interrogativi che abbiamo fin da ragazzi e che ci portiamo nel bagaglio di questo viaggio…

Le tre classi prime della Scuola Secondaria di Primo Grado “A. Moro” di Toscanella di Dozza hanno partecipato a tre laboratori paralleli direttamente finanziati dal Comune di Dozza e dall’Istituto Comprensivo di Dozza e Castel Guelfo, sotto la guida di Corrado Gambi della Compagnia Teatrale della Luna Crescente, e hanno dato forma ad un proprio modo di intendere appunto concetti quali PACE, GUERRA, LIBERTÀ, SOGNO… creando non solo tre letture teatrali, ma ri-cercando “un modo proprio”, originale, per trasmetterli… per comunicarli… questi concetti-base, a volte così apparentemente “lontani” dalla loro vita privilegiata di chi abita in questa parte di mondo… a volte così “presenti” nelle loro grandi esperienze quotidiane… E chissà che non possano aiutare anche noi adulti, a recuperare un po’ di quel senso di “cittadinanza responsabile” e di “memoria” che pare “smarrita” in questa epoca di “decadenza” di principi e valori…
Chissà che tutto questo non ci aiuti finalmente a recuperare il senso vero della parola… “libertà”!… Ognuno la sua…

Per il sesto anno consecutivo il Teatro Comunale di Dozza ospita una rassegna di teatro per ragazzi, scaturita dalla collaborazione tra importanti realtà socio-culturali e formative del territorio: la Compagnia Teatrale della Luna Crescente e l’Istituto Comprensivo di Dozza Imolese e Castel Guelfo. La rassegna, proposta da un Teatro Comunale, esprime la volontà di educare e formare il pubblico teatrale e di promuovere i linguaggi e le potenzialità del teatro. Si tratta di un progetto di teatro per i ragazzi fatto anche dai ragazzi, costituito da un’offerta “mista” di spettacoli di compagnie professionali, e spettacoli nati da laboratori teatrali specifici realizzati nelle scuole. L’antica magia del teatro e dell’attore che, dal vivo, “narra” e si esibisce, si confermano speciale opportunità in un tempo in cui i giovani e anche i giovanissimi, oltre agli adulti, sono troppo spesso fruitori quasi esclusivi di prodotti “in video”. Il teatro affascina, evoca, rappresenta o re-inventa la realtà che ci circonda. È una magia che conta, per riuscire, sulla disponibilità ad illudersi, a lavorare di fantasia, a condividere una finzione. Una magia potente che può incantare o emozionare anche con piccolissimi effetti, con un tono della voce, un silenzio, il gioco di un’ombra o con un foglio di carta… In questa rassegna, ancora una volta, la pratica diretta di laboratorio viene strettamente legata ai momenti di spettacolo. I ragazzi si fanno attori e spettatori, in un’esperienza che permette loro di esprimersi, socializzare, comunicare attraverso i linguaggi del teatro e li arricchisce di strumenti critico-analitici rendendoli pubblico più consapevole. Gli spettacoli in cartellone, anche in questa edizione, sono proposti al pomeriggio e alla sera ad un pubblico misto di ragazzi ed adulti assieme e alla mattina per un pubblico di ragazzi delle scuole.

I commenti sono chiusi.