20 marzo: Un pesce è un pesce

Domenica 20 Marzo 2011 – ore 16
DOZZATEATRORAGAZZI – IIIª Rassegna di Teatro Ragazzi
Compagnia Teatrale della Luna Crescente & Paola Camerone
UN PESCE È UN PESCE
Lettura – Spettacolo di Voci ed Ombre
di e con: Paola Camerone, Corrado Gambi, Marina Mazzolani
ispirata  al libro illustrato di Leo Lionni

La lettura spettacolo, nata dalla collaborazione tra la Compagnia Teatrale della Luna Crescente e l’esperta di Teatro delle Ombre Paola Camerone, si ispira al racconto di Leo Lionni “Un pesce è un pesce”, in cui il rapporto di amicizia nato tra un girino ed un pesce porterà quest’ultimo alla scoperta della propria identità ed all’accettazione positiva della propria diversità.
La tecnica delle ombre, con cui lo spettacolo è stato realizzato, si rivela particolarmente adatta  a raccontare queste tematiche, e ben rappresenta le atmosfere sospese, rarefatte ed emotivamente intense proprie del racconto.

Paola Camerone, milanese di nascita e bolognese di adozione, ha frequentato il corso di laurea in D.A.M.S. Spettacolo, laureandosi con la tesi Teatro Gioco Vita: le ombre nella scena contemporanea ed iniziando a collaborare con la suddetta compagnia teatrale, al termine del corso  Cercatori d’ombre da loro stessi organizzato.
A partire dall’anno 2000 si occupa della costruzione di sagome ed oggetti scenici per tutti i loro spettacoli e dell’ideazione e conduzione di laboratori sul teatro delle ombre, sia in Italia che in Francia. Presso la stessa compagnia anima le sagome dell’operina in musica El Retablo de Maese Pedro  e conduce la mostra Un mondo di figure d’ombra. Omaggio a Lele Luzzati e gli spettacoli L’ombra di Pollicino e Ombromania, nelle tournées  in Italia e Francia.
Ha realizzato esperienze di laboratorio e letture animate per conto di scuole ed associazioni ricreative del bolognese.
Con la Compagnia Teatrale della Luna Crescente mette in scena nel 2010 “Stivali a Monte Sole” storia scritta da Giulia Casarini, sulla strage di Marzabotto, spettacolo prodotto dall’ANPI e dal CIDRA di Imola nell’ambito delle celebrazioni del 25 Aprile.

I commenti sono chiusi.