5 marzo: “2012: La Grande Crisi”

Sabato 5 Marzo 2011 – ore 21
Compagnia Teatrale della Luna Crescente & Laboratorio LA.P.S.U.S.
presentano:

2012: LA GRANDE CRISI
di Aldo Giannuli (Ponte alle Grazie – 2010)
con: Corrado Gambi e Alfonso Cuccurullo
musiche di: Carmen Falconi e Giulia Costa

… “Ieri ho detto ‘domani ti pago’. E domani ti pago!”…
Ma… è possibile fare uno spettacolo su temi economici?… Ed è possibile fare uno spettacolo su temi economici a passo di… tango?… ed è possibile fare uno spettacolo su temi economici, a passo di tango, sul grande mostro della… crisi (aaaaaahhhhhh!!!)?… Ed ancora, è possibile fare uno spettacolo, su temi economici, a passo di tango, sulla crisi… anche con ironia?… Questa è la scommessa di  Corrado Gambi e Alfonso Cuccurullo a partire dal libro di Aldo Giannuli.

Nel 2012 non finirà certamente il mondo (forse!), ma potrebbe cambiare la Storia. Il triennio 2012-2014 si prospetta infatti come un crocevia di eventi epocali. Non solo, come già paventano banche centrali e istituti di rating, siamo ancora dentro la crisi, ma essa potrebbe intensificarsi gravemente. Fra le cause, la fragilità economica legata al debito USA ma anche di alcuni paesi europei, con la scadenza di titoli di Stato e obbligazioni per il mostruoso totale di circa ventimila miliardi; la guerra valutaria e commerciale fra Occidente e Cina; la crisi dell’Unione Europea con il rischio di una sua scissione, ed eventi politici di grande portata: le elezioni presidenziali in USA, Francia e Russia, il cambio della dirigenza cinese, la nomina del nuovo governatore della BCE e, nella nostra piccola Italia, la possibilità strisciante di forme soft o meno soft di secessione. Grazie al rigoroso supporto di dati per lo più ignoti al pubblico, il libro di Aldo Giannuli ricostruisce gli scenari che da questo complesso puzzle di avvenimenti potrebbero sorgere negli anni a venire. Associando lettura economica e lettura politica degli eventi con una precisione e una competenza rare, “2012: la grande crisi” è anche un vademecum per la comprensione del mondo d’oggi.
… E come disse il grande Totò… “Ieri ho detto ‘domani ti pago’. E domani ti pago!”…

Aldo Giannuli, (www.aldogiannuli.it) barese, classe 1952, è una vera e propria enciclopedia vivente per quel che riguarda la storia delle trame eversive in Italia. Laureato in Scienze Politiche, è ricercatore di Storia contemporanea presso l’Università di Bari. Consulente delle Procure di Bari, Milano (strage di Piazza Fontana), Pavia e Brescia (strage di Piazza della Loggia), ha appena terminato una consulenza per la Procura di Palermo. Dal 1994 al 2001 ha collaborato con la Commissione Stragi ed è salito alla ribalta delle cronache giornalistiche quando, nel novembre 1996, ha scoperto una grande quantità di documenti non catalogati dell’Ufficio Affari Riservati del Ministero dell’Interno, nascosti nell’ormai rinomato «archivio della via Appia». Autore di numerosi testi tra cui «Lo stato parallelo» (insieme a Paolo Cucchiarelli) e «Storie di intrighi e di processi», Aldo Giannuli è diventato un punto di riferimento per tutti coloro, magistrati, storici o giornalisti che si occupano delle trame eversive, terroristiche e mafiose, che hanno insanguinato la storia dell’Italia repubblicana. Attualmente collabora con il settimanale «Avvenimenti» e con il mensile «Libertaria».

Il LAboratorio Progettuale degli Studenti Universitari di Storia (La.p.s.u.s.), attivo presso l’Università Statale di Milano già da alcuni anni, nato per affrontare le nuove problematiche che lo studio della Storia Contemporanea pone agli storici, in un tempo in cui superficialità e disorientamento caratterizzano lo studio della società contemporanea, intende creare con questi “stati generali” una due giorni di riflessioni, bilanci e dibattiti interni, sulle attività svolte fino ad ora  e sulle prospettive future del laboratorio, a livello organizzativo e di elaborazione.
Il laboratorio inoltre ha da poco avviato una stimolante collaborazione con la Compagnia della Luna Crescente. Relazione che si traduce, all’interno della due giorni del 5 e 6 marzo, nella “presentazione performativa” del libro “2012, la grande crisi”, dello storico Aldo Giannuli, e in un laboratorio teatrale, all’interno del quale i ragazzi di La.p.s.u.s., coordinati da Corrado Gambi, inizieranno ad affrontare un piccolo percorso di formazione teatrale, che si inserisce nel progetto, che porterà nel mese di marzo 2011 alla mostra “La strategia della tensione e le stragi impunite: 1969-1984″, presso l’Università Statale di Milano, inaugurata proprio da un evento/performance elaborato e realizzato da La.p.s.u.s. e dalla Compagnia Teatrale della Luna Crescente.

www.laboratoriolapsus.it
info@laboratoriolapsus.it

http://www.facebook.com/Laboratorio.LAPSUS

Alfonso Cuccurullo ha esordito presso il ”Circolo Pavese” nel dramma “Il cercatore d’oro” di Satprem per la regia di  Davide Montemurri. In seguito con lo stesso Montemurri ha approfondito il metodo di recitazione “Orazio Costa”. Nel 1995 partecipa al concorso teatrale “Targa Malvezzi”; segue un intensa attività teatrale con alcuni gruppi teatrali del comprensorio imolese. Nel 1998 si iscrive alla scuola di recitazione “Teatro Colli” di Emanuele Montagna e partecipa al seminario tenuto dal direttore della Scuola di Teatro di San Pietroburgo Vadim Mikacencov. Inoltre partecipa a laboratori tenuti dall’attore e regista Tanino De Rosa. Nel 2001 comincia una collaborazione col regista Vittorio Possenti prendendo parte come attore agli spettacoli “Non si sa come” e “L’uomo dal fiore in bocca” di Luigi Pirandello. Nel 2003 partecipa come narratore allo spettacolo “Anime salve” dedicato alla memoria di Fabrizio De Andrè e successivamente allo spettacolo “Voci al di la’ del mare” con la cantante Luisa Cottifogli ed il musicista Fabio Tricomi. Nel 2005 entra come voce narrante nel “Tango Quartet” formazione di musicisti che dedica il proprio lavoro alla musica e alla letteratura argentina. Da anni tiene laboratori teatrali in diversi istituti scolastici e realizza spettacoli di narrazione rivolti a tutte le fasce di età.

I commenti sono chiusi.