30 aprile: Boom – Parole e musica di un’Italia miracolata

Sabato 30 Aprile 2011 – ore 21
PERSONAE – Percorsi Teatrali
Corrado Gambi & Letizia Magnani
BOOM – Parole e musica di un’Italia miracolata
di e con: Corrado Gambi, Letizia Magnani

Gli anni ’50… Gli anni ’60… Un’Italia che esce dalla II Guerra Mondiale devastata… Un’Italia che è un paese profondamente ferito dai bombardamenti anglo-americani e dalle distruzioni lasciate dai nazisti, stanco, sfiduciato, senza prospettive precise, incerto addirittura sulla sua stessa unità. L’economia è prostrata; la società è sostanzialmente la stessa di inizio secolo: agricola, arretrata e provinciale; incerta la posizione stessa dell’Italia sullo scacchiere internazionale… Poi… qualcosa accade…
Disponibilità di nuove fonti di energia… Trasformazione dell’industria dell’acciaio… Scoperta del metano e degli idrocarburi in Val Padana… Realizzazione di una moderna industria siderurgica sotto l’egida dell’IRI… Rinascita dell’industria italiana…
Sviluppo tecnologico…  Diversificazione produttiva… Ingresso dell’Italia nel Mercato Comune… Aumento della produzione…
Basso costo del lavoro… Trasformazione da un’economia agricola ad una industriale… La Fiat… L’Olivetti… Crescita delle esportazioni… Aumento dei consumi… Aumento del numero di impiegati, tecnici, manager, dirigenti d’azienda… BENESSERE… E ancora… La televisione… Il design… La cultura nazional-pop… Le canzonette… La pubblicità… Lascia o Raddoppia… Sanremo… La Seicento e la Cinquecento… Le vacanze… CAROSELLO…
… Ecco… un affresco in parole e musiche di quegli anni… gli anni dove si sognava di essere l’America… dove tutto stava cambiando e mai più nulla sarebbe stato come prima… dove non c’era la crisi che ci toglieva la speranza… o forse… dove eravamo semplicemente più innocenti e sognatori… dove “Dopo Carosello tutti a nanna!”… dove ancora “contro il logorio della vita moderna” bastava un bicchiere d’amaro offerto da un raffinato e rilassato signore per sentirsi subito un altro… dove tutti fischiettavamo Mina che ci offriva un bicchiere di una bibita gialla con le bollicine…
Questo eravamo… inebriati di nuova musica… nuovi balli… nuove immagini… Appunto un’Italia miracolata!
“BOOM” è una piccola scorribanda tra le parole, le immagini e i suoni di quell’Italia… ormai così lontana… forse… O forse no…

Letizia Magnani, intraprende lo studio del pianoforte in tenera età con Roberta Ropa (allieva del M. Franco Scala) per approdare successivamente allo studio del canto lirico a Bologna. Nell’Ateneo della stessa città consegue contemporaneamente la Laurea in Filosofia. Si sta perfezionando in Canto lirico con il tenore argentino Michelangelo Curti  canto di Tradizione orale con Francesca Breschi e Giovanna Marini. Ha seguito seminari sull’ improvvisazione radicale tenuti dal violoncellista Tristan Honsinger e studia regolarmente con il batterista Roberto Dani. Ha frequentato i seminari di Nuoro Jazz, Arquato Jazz e Sant’ Anna Arresi. Ha studiato e collaborato con Domenico Caliri, Stefano Debonis e Fabrizio Puglisi. Ha approfondito lo studio della vocalità moderna con La Verne Jackson, Martina Grossi e Tiziana Ghiglioni. E’ iscritta al I anno del corso inferiore di composizione classica Presso il Conservatorio B. Maderna di Cesena. Presso il conservatorio “A. Buzzolla” di Adria ha conseguito il diploma di Licenza di Solfeggio ed è laureanda in canto jazz. Nello stesso conservatorio partecipa come corista al progetto ‘Synkretismos de las americas’ – per solisti, big band e coro- diretto dal compositore ed arrangiatore Paolo Silvestri e l’intervento di Barbara Casini. Nel 2009 inizia a perfezionare la letteratura pianistica con Pietro Gatto (allievo del M° Leonid Margarius). Da anni si dedica all’approfondimento della lingua e della musica tradizionale portoghese, in particolare il Fado, interessandosi anche alla musica brasiliana. Ideatrice e fondatrice del Settetto ‘A lingua portuguesa’ e del Ciranda Quartet, collabora con Michele Francesconi, Gabriele Zanchini, Roberto Rossi, Edu Hebling, Giancarlo Bianchetti, Fabio Tricomi e Maurizio Pincastelli. Collabora come corista con David Riondino e Francesca Breschi nel progetto ‘Il cantico dei Cantici’ assieme a Daniele Mencarelli, Angelo Lazzeri, Fabio Battistelli e Alessandro Paternesi. Insegna canto, armonia complementare, solfeggio e impartisce lezioni di coro presso la scuola di musica moderna Ca’ Vaina e l’Associazione Musicale Laurentiana di Imola.

I commenti sono chiusi.