7 aprile | ELLIOTT MURPHY in concerto!

Sabato 7 Aprile 2012 ore 21
TRACKS – Tracce d’autore
A Very Special Easter Show!!!

ELLIOTT MURPHY in concerto

Torna al Teatro Comunale di Dozza, Elliott Murphy, uno dei più grandi autori ed interpreti del rock americano!

Due anni dopo “Notes from the underground” e uno dopo il CD/DVD dal vivo “Alive Paris”, torna il cantautore americano Elliott Murphy. Il musicista newyorkese, paragonato ad inizio carriera a Bob Dylan e che in passato ha collaborato con artisti come Bruce Springsteen, Violent Femmes e l’italiano Graziano Romani, pubblica il suo nuovo omonimo album, 26esimo tassello di una carriera cominciata nel 1973 con l’acclamato “Aquashow”.

Il disco si muove in consolidati territori folk-rock, in alcuni episodi caratterizzati da arrangiamenti maggiormente orchestrali ad opera del produttore Gaspard Murphy (il figlio 20enne di Elliott), in altri più rock’n'roll: hanno collaborato il chitarrista transalpino Olivier Durand (già in passato al fianco di Murphy) in fase di scrittura e la band The Normandy All Stars in fase di registrazione.

Living in Paris for over 20 years as an expatriate New York rocker and author, Elliott Murphy has a thriving career in music and literature. He has released over 30 albums, performs over 100 shows a year and is a prolific author of fiction. Although nearly four decades have passed since the release of Elliott’s ground-breaking first album AQUASHOW (1973) it was recently called an “Album Classic” by the prestigious UK magazine UNCUT. His 2009 DVD/CD ALIVE IN PARIS was filmed and recorded during the monumental exposition “Elliott Murphy: Last of The Rock Stars” held in the Paris City Hall which drew thousands of visitors from all over Europe and the U.S. and quickly follows his highly acclaimed NOTES FROM THE UNDERGROUND, which received 4 stars on the prestigious All Music Guide. Fans eagerly await his new album simply titled ELLIOTT MURPHY (Autumn 2010) produced by his son Gaspard Murphy and featuring guitar virtuoso Olivier Durand along with The Normandy All Star Band.
Born to a show business family in New York, Elliott began his career by a troubadour like odyssey in Europe including a bit part in Federico Fellini’s film “Roma.” Returning to the US he quickly secured a recording contract and following the huge success of his first album came LOST GENERATION (Produced by Doors producer Paul Rothschild), NIGHT LIGHTS (featuring Billy Joel), JUST A STORY FROM AMERICA (featuring Phil Collins and Mick Taylor) and an extraordinary duet with Bruce Springsteen on SELLING THE GOLD (1996) who often invites Elliott on stage to perform with him during his European tours.Murphy is also a published author of numerous collections of short stories, the most recently being CAFÉ NOTES (Hachette) and two novels COLD AND ELECTRIC (Entreligne) the neo-western POETIC JUSTICE (Hachette). His fiction has appeared in Rolling Stone (U.S.) and other publications.

In puro stile rock ‘n roll Elliott James Murphy Jr. nasce al Mercy Hospital del Rockville Center di New York nel 1949, da una agiata famiglia che lavora nello show business. La madre Josephine è un attrice mentre il padre Elliott Sr. è un impresario molto noto, il cui poliedrico AQUASHOW ebbe successo per tutti gli anni Cinquanta nel terreno su cui inizialmente aveva trovato posto la Fiera Mondiale di New York del 1939. Lo straordinario spettacolo veniva rappresentato in un teatro all’aperto stile Art Deco e comprendeva pagliacci che andavano sott’acqua, ballerine che nuotavano, giocolieri e teatranti, con la musica della Duke Ellington Orchestra. Più tardi, Elliott Sr. aprirà lo SKY CLUB in Roosevelt Field, Long Island, non lontano da dove Charles Lindbergh prese il via per il suo storico volo verso l’Europa. Lo SKY CLUB era un ristorante/club privato che ospitava famosi personaggi politici del tempo, come Bobby Kennedy e Nelson Rockefeller. Ma quel che più impressionava il giovane Elliott erano le serate di ballo, in cui si esibivano le Ronettes, Jay and the Americans e i Seeds. Elliott è cresciuto nei dintorni di Garden City, e ha cominciato a suonare la chitarra a 12 anni. Con la sua band The Rapscallions ha vinto la ‘Battle of the Bands’ dello stato di New York nel 1966. Comincia a scrivere canzoni mentre canta per le strade d’Europa nel 1971 e ritorna a New York dopo un breve periodo passato a San Francisco per ottenere un contratto con la Polydor Records. Il suo album di debutto “Aquashow” (1973) raccoglie un enorme successo di critica, finendo in molte occasioni sulle liste dei migliori di vari giornali per quell’anno, con articoli su Rolling Stone, Newsweek e New Yorker. I successivi “Lost Generation” (1975), “Night Lights” (1976) e “Just a Story from America” (1977) vengono accolti con lo stesso interesse. Ospiti speciali sono Mick Taylor, Billy Joel, Phil Collins. La sua musica è una sorta di rock poetico post-Dylan, pesantemente influenzato dai newyorkesi Velvet Underground, sostenuto dalla potenza espressiva di Murphy alla chitarra e all’armonica. Sia per scelta che per necessità, passa alla produzione indipendente con la pubblicazione dell’EP “Affairs” (1980) che vende bene in Europa e prepara il terreno per “Murph the Surf” (1982) che otterrà un buon successo. Nel 1985 Jerry Harrison (dei Talking Heads) produce “Milwaukee”, dando inizio alla lunga relazione con l’etichetta discografica francese New Rose. All’epoca Murphy è spesso in tour in Europa e infine si stabilisce a Parigi nel 1989, dove vive tuttora con la moglie e il figlio. In “Selling the Gold”(1985) lo si può ascoltare in un duetto con Bruce Springsteen, il vecchio amico che spesso lo invita sul palco nei suoi spettacoli europei. Aldilà della musica, Murphy ha scritto per Rolling Stone, Spin e vari giornali europei. Ha pubblicato “Cold and Electric” (un romanzo semi-autobiografico uscito in Francia, Germania e Spagna) e due raccolte di racconti (“The Lion Sleeps Tonight” e “Where the Women Are Naked And The Men Are Rich”) e il recente “Cafè Notes”(per le edizioni francesi Hachette). Durante una recente apparizione alla TV spagnola, ha detto: “La letteratura è la mia religione e il Rock and Roll è la mia droga.” I suoi recenti album “Beauregard”, “Rainy Season”, “Soul Surfing” e “La Terre Commune” (in duo con Iain Matthews) segnano una ripresa di forza nella sua carriera discografica e sono in molti a definire il doppio “Strings of the Storm” il migliore di tutti. Col mago della chitarra Olivier Durand è sempre in tournée, con una media di più di 100 spettacoli l’anno per tutta Europa. (www.elliottmurphy.com)
Discography:

AQUASHOW (1973)
LOST GENERATION (1975)
NIGHT LIGHTS (1976)
JUST A STORY FROM AMERICA (1977)
AFFAIRS (1980)
MURPH THE SURF (1982)
PARTY GIRLS & BROKEN POETS (1984)
MILWAUKEE (1986)
APRES LES DELUGE (1987)
CHANGE WILL COME (1988)
LIVE HOT POINT (1989)
12 (1990)
IF POETS WERE KING (1991)
DIAMONDS BY THE YARD (1992)
UNREAL CITY (1993)
PARIS/NEW YORK (1993)
SELLING THE GOLD (1995)
GOING THROUGH SOMETHING (1996)
BEAUREGARD (1998)
APRIL (1999)
RAINY SEASON (2000)
LA TERRE COMMUNE (2000)
LAST OF THE ROCK STARS (2001)
SOUL SURFING (2002)
THE NEXT WAVE (2002)
STRINGS OF THE STORM (2003)
NEVER SAY NEVER (2004)
MURPHY GETS MUDDY (2005)
COMING HOME AGAIN (2007)
NOTES FROM THE UNDERGROUND (2008)
ALIVE IN PARIS (2009)
ELLIOTT MURPHY (2011)

I commenti sono chiusi.